Watch Dogs: Legion – Guida ai Freedom Fighters

0

In questo articolo relativo a Watch Dogs: Legion, il nuovo titolo targato Ubisoft, andremo a vedere come liberare i Freedom Fighters e, di conseguenza, completare la seconda parte delle “sfide d’oppressione”. Specificamente, esamineremo come soccorrere i combattenti della libertà” (non dimenticate, poi, di leggere la prima guida e la guida al platino). Gameshelp vi ricorda che il completamento di queste attività è necessario al fine di sbloccare il trofeo Riprendiamoci Londra”. Quest’ultime riveleranno, quindi, la posizione dei punti tecnici (punti abilità) sulla mappa e, inoltre, una volta portate a termine tali sfide, sarà possibile sbloccare il reclutamento di un personaggio con un’abilità unica. Ringraziamo Powerpyx per aver pubblicato gli screen in-game.

Vi raccomandiamo di usare l’addetto ai lavori (o operaio) che verrà reclutato automaticamente nelle prime ore di gioco. Esso, infatti, tramite la sua abilità di “liberazione” di un drone cargo ci permetterà di arrivare anche nei punti più ardui da raggiungere. Questi prodi guerrieri sono rinchiusi in prigioni situate nelle strutture della Albion, per soccorrerli dovremmo prima liberare l’area circostante e, infine, hackerare i circuiti dei quadri elettrici per avere accesso alle celle. Andiamo a coprire tutti i freedom fighters di Watch Dogs: Legion.

Città di Westminster

Al piano terra, situato nell’area ostile di New Scotland Yard, potremo trovare uno dei combattenti. Per liberare questo povero malcapitato dovremo interagire con il quadro elettrico indicato nel secondo screenshot.

La Torre di Amleto

Per soccorrere il secondo combattente, rechiamoci dove indicato dall’immagine. Raggiunto il posto, ci troveremo di fronte a un edificio sorvegliato. Per raggiungere il nostro uomo dovremo entrare dalla porta a Sud (vicino ai parcheggi), hackerare il quadro elettrico situato al lato opposto della cella e, infine, liberare il prode guerriero.