Gran Turismo 7 – Recensione

0

Bentornati su GamesHelp! Oggi vi presentiamo la nostra recensione di Gran Turismo 7 (qui trovate la nostra guida ai trofei ed al platino), grande esclusiva Sony che abbiamo avuto modo di provare i giorni scorsi su PlayStation 5! Rilasciato lo scorso 4 marzo per entrambe le console dell’azienda nipponica (sia old che next-gen), rappresenta l’ottavo capitolo della serie GT e celebra il venticinquesimo anniversario dall’uscita del primo capitolo nell’ormai lontano 1997. Il titolo, sviluppato da Poliphony Digital e pubblicato da Sony Computer Entertainment, venne annunciato durante l’evento di presentazione della PlayStation 5, durante il quale venne ridestato l’hype degli appassionati alla serie. Premesse fatte, è il momento di analizzare il gioco.

Una volta avviato il gioco, vi troverete davanti la classica schermata che vi consentirà di calibrare a vostro piacimento le impostazioni audio e video (luminosità e modalità grafica o prestazioni), per poi passare alla selezione della difficoltà (principiante, intermedio ed esperto). Sarà poi il momento di scegliere un soprannome per il vostro pilota, che potrete modificare in tutto un massimo di quattro volte, e il set comandi da voi preferito in modo da approcciarvi al meglio all’esperienza di gioco. Avrete, inoltre, la possibilità di aggiungere o togliere aiuti alla guida (frenata automatica, traiettoria a schermo e cambio automatico o manuale), fondamentali se non siete giocatori assidui del genere. Vi ricordiamo che durante le gare potrete anche scegliere tra tre tipi di visuale, alternabili premendo il dorsale R1: abitacolo, altezza strada e telecamera esterna al veicolo.

Un tributo perfetto e azzeccatissimo

Dopo aver superato lo scoglio delle impostazioni iniziali, avrà inizio la vera e propria introduzione al gioco. Parliamo di un video tributo di durata considerevole, creato per celebrare il venticinquesimo anniversario dall’uscita del primo GT. Nel video vedrete una serie di immagini, clip e fatti storici, dal bianco e nero fino ad arrivare ai colori, che avranno tutti il solito filo conduttore: il mondo automobilistico. Sono presenti scene di balletto, lavoro in fabbricamusica classica e innovazione tecnologica. Ciò che colpisce, però, è il diradarsi di quest’atmosfera vintage a favore di un contesto sempre più vivo e moderno. Questo climax di sviluppo si chiude con il processo di costruzione di una Porsche e una sequenza di gare ambientate nei nostri giorni, una serie di fotogrammi spettacolari volti a mostrare la potenza del motore grafico che alimenta Gran Turismo 7. L’impressione che abbiamo avuto è stata quella di avere un film davanti ai nostri occhi, che rappresenta un’anteprima a dir poco perfetta di ciò che il gioco offre.

Gran Turismo 7 recensione
Una delle numerose gare presenti nell’opening del gioco.

Abbiamo ritenuto cruciale l’importanza del video che ci introduce al vastissimo mondo di gioco: il fatto che vengano toccati così tanti aspetti di storia automobilistica e non, infatti, dà l’impressione di sentirsi parte di un progetto vivo e in continuo mutamento. Allo stesso tempo, però, ci fa capire che le auto non sono l’unica cosa che conta per il team di sviluppo: grossa rilevanza viene data anche ai magnifici giochi di luce, alle condizioni atmosferiche e ai paesaggi che circondano i tracciati.

Il connubio tra il vecchio e il nuovo

Gran Turismo 7 non rappresenta affatto un punto di rottura rispetto al passato, ma contiene, anzi, numerosi elementi e riferimenti ai vecchi capitoli della serie, i quali si fondono alla perfezione con l’introduzione di nuove modalità e possibilità di approfondire le vostre conoscenze automobilistiche. Il titolo ha sicuramente in comune col passato la vastità del parco auto a vostra disposizione (non il più numeroso, ma destinato ad ampliarsi nel corso dei mesi a venire), così come l’elevato numero di circuiti percorribili (che al solito uniscono piste e ambientazioni reali ad altre di fantasia). Il tutto è condito da un’attenzione al dettaglio fuori dal comune, che grazie alle recenti innovazioni grafiche porta l’esperienza di gioco a un livello nettamente superiore. Tra le novità troviamo anche la possibilità che le condizioni climatiche varino durante le gare, che vi porterà a dovervi letteralmente adattare al caso, anche più di una volta durante la solita competizione.

Gran Turismo 7 recensione
Un esempio di circuito bagnato.

Come detto sopra, le novità non si limitano a un motore grafico pressoché impeccabile. Per quanto riguarda le modalità di gioco, è stato introdotto il Music RallySi tratta di una serie di corse a tempo, che affronterete a ritmo di musica. Maggiore sarà la distanza che riuscirete a percorrere, maggiori saranno i punti che otterrete e di conseguenza sarà più alto anche il vostro piazzamento sul podio. A nostro avviso, è estremamente interessante anche il Café di Luca. Parliamo di una struttura visitabile dalla mappa del gioco, dove potrete svolgere due attività fondamentali. La prima sarà quella di consultare i “menu”, ossia una serie di gare o attività da completare al fine di ottenere ricompense e ampliare la vostra collezione di auto. La seconda porta il café ad assumere la configurazione di enciclopedia automobilistica. Una volta completato ciascun menu, il proprietario del locale vi darà interessanti approfondimenti sulla storia dei veicoli in questione, comprese curiosità e simpatici aneddoti.

Un buon livello di sfida

Siamo rimasti piacevolmente colpiti dalla competitività dell’IA, che risulta essere bilanciatacompetitiva al punto giusto, su tutti e tre i livelli di difficoltà. L’esito delle gare che affronterete dipenderà solo e soltanto dalle vostre capacità, che sicuramente affinerete man mano che prenderete confidenza col gioco. Non prendete mai sotto gamba gli avversari che sulla carta sono inferiori rispetto a voi, in quanto sia i concorrenti che gli stessi tracciati potrebbero nascondere delle insidie. Anche le patenti vi metteranno alla prova: in teoria, tutte le sfide sono abbordabili, ma state attenti a non sottovalutarle! Inoltre, il completamento delle patenti porterà a due veicoli bonus per classe, uno se avrete ottenuto il bronzo in tutte le prove, ed un altro se sarete stati abili a tal punto da ottenere l’oro. A proposito dei veicoli ottenibili, al momento sono circa 450, ma come detto poco sopra, aumenteranno durante il corso del tempo tramite aggiornamenti.

Gran Turismo 7 recensione
La schermata del menù patenti.

Alla difficoltà del gioco, se vorrete, potrete sommare la resistenza opposta dal vostro controller DualSense attraverso il feedback aptico. Perfetto sotto ogni punto di vista, vi aiuterà ancora di più ad immergervi in un’esperienza già di per sé superlativa. Attraverso il grilletto posteriore destro (R2) avvertirete la potenza dell’acceleratore e l’aderenza degli pneumatici sull’asfalto, mentre attraverso il grilletto opposto (L2) percepirete l’intensità delle frenate, o le difficoltà che derivano da una troppo brusca. Anche il controller stesso vibrerà in maniera diversa in base alle differenti condizioni del tracciato, emulando il volante del vostro bolide.

Nel complesso, a nostro avviso Gran Turismo 7 è un titolo che rasenta la perfezione. Oltre a un comparto audiovideo di assoluto pregio, ha la fondamentale capacità di intrattenere per ore i videogiocatori, i quali potranno usufruire anche di un comparto online strutturato e funzionante a sua volta a regola d’arte, qualora si stufassero di giocare contro la CPU. L’unica pecca (se così la vogliamo definire) che ci sentiamo di voler rendere nota è l’assenza di danni evidenti ai veicoli durante le competizioni e conseguentemente la mancanza di ripercussione su questi ultimi in caso di incidenti o urti. Allo stesso tempo ci rendiamo però conto che sia un aspetto caratteristico della serie, ma confidiamo che gli sviluppatori possano, in futuro, integrare anche questa sfaccettatura all’interno di prodotti così ben fatti e coinvolgenti.

GRAN TURISMO 7

9.5
GamesHelp's Choice stemma

Polyphony Digital torna a splendere col nuovo titolo della serie GT. Perfetto nei comparti audio e video, probabilmente il miglior simulatore di guida in circolazione in questo momento, se non fosse per la mancanza di realismo nei danni ai veicoli. Merita comunque il nostro GamesHelp’s Choice!

PRO

  • Comparti audio e video perfetti. Ogni elemento è al suo posto, e la perfezione dell’ambiente circostante aumenta l’immersione
  • Mondo di gioco vasto e ricco di attività
  • Innovativa possibilità di esplorare il mondo delle auto in maniera approfondita
  • Buon livello di sfida
  • Feedback aptico funzionante alla perfezione e funzionale al suo scopo

CONTRO

  • Mancanza di danni significativi ai veicoli