Call of Duty Warzone: Verdansk è stata distrutta

0

L’evento tanto atteso da tutti gli utenti di Call of Duty Warzone è accaduto, la fine è arrivata: Verdansk è stata distrutta.

L’ormai storica mappa di Call of Duty Warzone è stata investita da una colossale esplosione nucleare. Colpita da un missile nucleare, non è rimasto un solo edificio in piedi a Verdansk. Avviando il gioco si noterà che per il momento rimangono attive solo le modalità collegate a Rebirth Island, mappa di dimensioni considerevolmente minori rispetto a quella principale, che si mostra per l’occasione con un nuovo aspetto.

Verdansk è ormai solo un ricordo

Addio Verdansk, ecco le novità

Una nuova playlist introdotta nel gioco, include una nuova variante dell’isola, in versione notturna, e diversi gadget tra cui visori notturni, per aiutare i giocatori ad orientarsi meglio ed espandendo ulteriormente il gameplay e le tattiche ad esso collegate.

Questa modalità è stata ridisegnata proprio per celebrare la distruzione di Verdansk: se i giocatori decideranno di guardare in lontananza, potranno infatti ammirare l’esplosione nucleare della storica mappa. Le partite si svolgerebbero temporalmente 15 minuti prima che Verdansk venga definitivamente nuclearizzata, e non è chiaro se suddetta playlist rimarrà disponibile nella Stagione 3 o meno.

Durante la giornata odierna dovrebbe avviarsi la prossima fase dell’evento che darà il via ufficialmente alla Stagione 3 di Call of Duty Warzone, con una nuova mappa principale che riporta agli anni ’80, in linea con Call of Duty Cold War, nuove armi e nuovi operatori.

Leggi anche: