Anteprima – Biomutant

0

Da tanto tempo, ormai, che non si sentiva più parlare dell’ultima fatica action RPG di Experiment 101THQ Nordic, ovvero Biomutant, ma ecco che esattamente quattro giorni fa, la software house ha condiviso un nuovo gameplay trailer di ben nove minuti. In questo video, come andremo ad analizzare nel corso dell’articolo, vengono mostrati tutti gli avanzamenti di gioco, vari nemici e boss, veicoli e cavalcature con cui muoversi e parte della storia. Nel video viene dato ampio spazio a tutto ciò che è l’ambiente in-game. Se vi sentite pronti a viaggiare in questo mondo selvaggio e cattivo, ecco a voi la nostra anteprima.

Possiamo dire fin da subito che il gioco sembra essere davvero immenso, nel senso più giusto della parola, perché in questo gameplay appena mostrato si vedono diversi ambienti in cui muoversi e un grande contenuto. L’opera, come scrivevamo in apertura, è un gioco di ruolo d’azione open world a sfondo post apocalittico.

Parlando in specifico della trama: vediamo che il mondo di Biomutant è stato colpito da un disastro naturale, che ha causato l’inquinamento dell’Albero della Vita. Quest’ultimo ha cinque radici attraverso le quali dà vita a tutta la Terra. Sono presenti sei tribù, ognuna di queste può essere influenzata dalle scelte effettuate dal giocatore che può allearsi con una di esse ed eliminare le altre oppure può anche decidere il destino dell’Albero della Vita senza dover uccidere nessuna pletora.

Biomutant
Il viaggio dell’eroe ha inizio.

In Biomutant, vestiremo i panni di una creatura (molto simile a un procione, ma geneticamente modificato) in un mondo pieno di altri animali mutanti. Come si può vedere nelle fasi iniziali del video, il nostro alter-ego potrà cavalcare altre creature e raggiungere punti in cui incontrarsi o scontrarsi con altri suoi simili. Difatti, notiamo fin da subito la vasta gamma di razze e tipi di combattimento, il quale combina arti marziali e tiri a lungo raggio.

Qui facciamo la conoscenza di un certo Jagni, che pensiamo possa essere un rivale di una tribù avversaria, e capiamo che ci saranno anche delle lotte di conquista, dove dovremo combattere in arene e sconfiggere i nostri nemici per guadagnare terre e vittorie. Il combat-system è molto fluido, con colpi a grande velocità sia in a terra che in aria, ciò che stupisce è proprio la varietà di mosse e armi che si potranno usare, dato che sarà anche possibile montare un razzo e utilizzarlo per andare contro chi non doveva mettersi sulla nostra strada.

Biomutant
Ci sarà una grande varietà di ambienti e mezzi con cui muoversi.

Oltre al combattimento, ci sarà una grande varietà di zone e soprattutto di mezzi attraverso cui raggiungere le stesse. Oltre alle cavalcature animalesche, vediamo una mongolfiera, una moto d’acqua e quella che sembra essere una mano robotica in grado sia di camminare sia di sparare. La verticalità del gioco sembra essere essenziale, quindi, sia negli scontri sia per raggiungere aree ben delimitate. Difatti, per arrivare su superfici specifiche, dovremo cambiare parti del corpo, equipaggiare attrezzi adatti per quella zona o ottenere determinati veicoli.

Il gioco, poi, offre la piena personalizzazione del personaggio: sesso, altezza, forma e spessore del corpo, pelliccia, zanne e altre caratteristiche, le quali contribuiscono a creare una statistica del protagonista stesso. Possono, infatti, essere utilizzate delle parti del corpo biomeccaniche per ottenere vari vantaggi contro certi nemici, come gambe robotiche, ali e artigli.

Biomutant
A primo acchito sembra essere carino questo posto, ma non abbassate mai la guardia: il pericolo è sempre dietro l’angolo.

Abbiamo visto combattimenti in aria e sulla terra ferma, potevamo mancare quelli sottomarini? Certo che no, infatti in Biomutant, come possiamo vedere dal video stesso, incontreremo enormi mostri subacquei che dovremo sconfiggere utilizzando una specie di navetta a forma di piovra con cui poter sparare e avvinghiarci al nemico per stordirlo. È presente anche un sistema meteorologico dinamico e un ciclo diurno-notturno che influisce sul gameplay e sul comportamento del nemico che, in base al tempo per l’appunto, diventerà più ostico o meno da battere.

Il gioco sembra essere molto vasto e anche divertente da giocare, ma con la grafica e il lato tecnico non pensiamo possa essere al pari con altri rivali tripla A sul mercato. Certo è che se vorrete provare un titolo abbastanza diverso dal solito, almeno per quanto riguarda i vari personaggi, Biomutant fa proprio al caso vostro. La data d’uscita ancora non è stata rivelata, ma ci saranno due edizioni oltre alla classica: la Collector’s Edition, compresa di gioco, statuina, artwork e soundtrack; e la Atomic Edition, compresa anche di un diorama da 60cm, una steelbook, una maglietta e un tappetino per mouse oversize (nonostante il gioco sia previsto per tutte le console).